19 Marzo 2016

Il titolo Imprint vuole suggerire un significato proposto dall’artista francese Yves Klein che proponeva L’impronta della sentimentalità dell’uomo, quell’impronta che segna l’esistenza dell’uomo e della società in cui vive. Le tracce e gli stati-momenti che possono segnare intera esistenza dell’uomo che essendo connesso con intero l’universo va ad avere un effetto cosmico.

L’opera d’arte non è altro che la traccia della comunicazione dell’artista con il mondo come dice Yves Klein “I miei dipinti non sono altro che il cenere del mio arte”

Attualizzando questa concezione dello stato dell’arte suggeriamo di creare opere che vanno a indicare questi stati sensibili dell’artista in contatto con il mondo che vuole in qualche modo connettere l’uomo con l’indefinibile.

Allora solo con questo modo di concepire il mondo sensibile è che anche ad esempio il silenzio può diventare una traccia e segnare in profondità e avere un impatto immediato nell’uomo e creare una impronta.

spazio punto